Notti dell’Archeologia 2018 Conferenze in notturna sui temi della mostra: 20 e 27 luglio, 3 agosto

Venerdì 20, alle ore 21:30 in piazza Vetluna, prende l’avvio il Ciclo di conferenze dedicate all’approfondimento dei temi offerti dalla nuova Esposizione, ove la protagonista sarà la statua della sfinge in granito grigio, oggetto di sequestro giudiziario, posta nello spazio di ingresso del museo Falchi, ad introdurre lo spettatore, quale attrattiva e simbolo del mondo egizio, nell’atmosfera della Mostra ad esso dedicata.  Il Tenente-Colonnello Paolo Sorbello introdurrà l’incontro esponendo il significato e le forme di intervento messe in atto dalla Guardia di Finanza nel quadro della salvaguardia del patrimonio archeologico e culturale in senso lato del territorio nazionale. Quindi passerà il testimone al Maresciallo Fabio Calabrese, che intratterrà gli astanti sulla splendida sfinge di pietra, ripercorrendo le tappe della tumultuosa storia che, di sequestro in recupero, l’hanno condotta, dapprima, nel 2012, entro gli spazi del deposito della Rocca Albornoz di Viterbo, sede del Museo nazionale etrusco e, successivamente, ad approdare al museo di Vetulonia.

Venerdì 27 luglio la serata sarà dedicata alla tecnologia applicata ai Beni Culturali, con la presentazioni di progetti innovativi in realtà aumentata che coinvolgeranno anche il pubblico presente.

Venerdì 3 agosto sarà ospite la dott.ssa Maria Cristina Guidotti, Direttore del Museo Egizio di Firenze, con un intervento dedicato a “Case e città dell’antico Egitto”.

In ciascuno di questi appuntamenti, assolutamente gratuiti, sarà possibile visitare accompagnati la nuova Mostra-Evento, “L’ Antico Egitto inVITA a Vetulonia. A casa di un operaio artista della Valle dei Re”, ospitata all’interno della struttura fino al 4 novembre. Da non perdere!